Tarantella Finale | TaranProject

Ed eccoci al nostro terzo appuntamento con l’analisi delle canzoni tipiche Calabresi, dopo Stilla Chiara e Lu Surici analizziamo qui la Tarantella Finale dei concerti dei TaranProject (Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea per tutti).

FONTE: http://mimmocavallarofanclub.blogspot.de/2011/09/tarantella-guappa.html?m=1

Essa è composta, con Mimmo e Cosimo che si alternano alla voce, dalla Tarantella Guappa che diventa poi Jimbusedu, e poi Tarantella Brada, fino all’immancabile “Narannannèru…” che tutti cantano in coro.

La mia versione preferita:

Nel blog sopra citato si danno varie interpretazioni di questo canto tradizionale, di seguito il testo:

Tarantella guappa

Comu ballanu belli ssi figghjoli!
Chi la Madonna li, chi la Madonna là,
chi la Madonna li pozz’aiutari!

Minatevi ssi corpi chianu chianu,
‘ca sugnu distinati a ben muriri,
‘ca sugnu distinati, bella, a ben muriri.

Si lu curteddu miu s’avìa lu tagghju,
carogna io ti sfreggiu e t’anzaccagnu,
carogna io ti sfreggiu e t’anzaccagnu.

E pe’ piscà stu cefalu
ci misi ‘na simana,
ca lu piscai di sulu
e stu cefalu capitù,
ca lu piscai di sira
e stu cefalu chi mi tira.
Tiritinguli e tiritunguli,
cucuzze e cucuzzuni,
lu spassu di li fimmini
su’ l’omini ‘ncudinuli!

Comu ballanu belli ssi figghjoli!
Chi Sant’Antoni li, chi Sant’Antoni là,
chi Sant’Antoni li pozz’aiutari!

Scinni Maredda mia, cunza lu lettu,
avìa li carni sua com’a lu lattu,
avìa li carni sua, bella, com’a lu lattu.

Abballati, abballati,
fimmini schjetti e maritati,
e si nun ballati bonu
nun vi cantu e nun vi sonu,
e si nun ballati pulitu
nci lu dico a lu vostru zitu.
Sciù sciù sciù,
quanti fimmini ca ci su’!
Sciù sciù sciù,
quanti fimmini ca ci su’!

Vorrìa mu moru, vorrìa mu moru,
cu’ zuccaro e cafè mu m’imbalenu,
cu’ zuccaro e cafè, bella, mu m’imbalenu.

E lu previti ‘i Roccaforti
s’a fujiu c’a parmisana,
malanova ca jivanu forti
comu lu ventu di tramuntana,
malanova ca jivanu forti
comu lu ventu di tramuntana.

E lu punti di Petraci
fu la ruvina mia,
manijandu petra e caci
si nda jiu la vita mia,
manijandu petra e caci
si nda jiu la vita mia.

Faciti rota, faciti rota,
stamu morendu di la purvarata,
stamu morendu, bella, di la purvarata!

Vurria mu mi maritu a ‘Ntonimina,
mu mi la levu ‘n’antoniminara,
e nun m’importa no ch’è piccirina
basta che ‘ndavi la dota di lana.

Segue “U Jimbusedu”.

Ripresa, canta Cosimo:

Ohi chi bella la cutrisa,
la vidi caminari
cu lu zocculu allu pedi
di lu ballu tricchi-trà.

Vurria mu mi maritu a Petra Cupa,
aundi fannu lu pani di pizzata,
e non m’importa no ca ‘undavi dota,
abbasta mu mi faci, bella, la pizzata.

Zipingula zipangula,
simenta di meluni,
lo spassu di li fimmini
su’ l’omini sciampagnuni!

Rosa, Teresa, Catarinella mia,
‘na guccia di to sangu
sanarìa la vita mia!

e la traduzione:
Come ballano bene questi ragazzi!
che la Madonna li, che la Madonna la,

che la Madonna li possa aiutare!

Muovete questi corpi piano piano,
che sono destinati a ben morire.

Se il mio coltello è affilato,
carogna, ti sfregio e ti saccagno.*

E per pescare ‘sto cefalo
ci misi una settimana,
e lo pescai col sole
e ‘sto cefalo s’inabissò,
e lo pescai di sera,
e ‘sto cefalo che mi tira…
Tiritinguli e tiritunguli,
cocuzze e cocuzzone*,
lo spasso delle donne
sono gli uonmini ‘ncudinuli!*

Come ballano bene questi ragazzi!
Che Sant’Antonio li, che la Sant’Antonio la,
che la Sant’Antonio li possa aiutare!

Scendi Mariuccia mia, riassetta il letto,
aveva le carni bianche come il latte.

Ballate, ballate,
donne nubili e maritate,
e se non ballate bene
non vi canto e non vi suono,
e se non ballate con grazia
lo dirò al vostro fidanzato.
Scù sciù sciù
quante donne ci sono!

Vorrei morire, vorrei morire,
con zucchero e caffè mi avveleno.

E il prete di Roccaforte*
se n’è fuggito con la Palmisana*
mannaggia come andavano forte,
come il vento di tramontana.

E il monte …
fu la mia rovina
… pietra e calce
se ne andò la vita mia.

Fate rota, fate rota,
stiamo morendo per la polverata!

Vorrei maritarmi ad Antonimina,*
prendermi un’antoniminara,
e non m’importa se è è piccolina,
basta che abbia la dote di lana.

…..
e la vidi camminare
con ai piedi gli zoccoli
del ballo tricchi-trà.

Vorrei maritarmi a Petra Cupa*
dove fanno il pane di pizzata,*
e non m’importa se non hai dote,
basta che mi fai, bella, la pizzata.

Zipingula zipangula*
semi di melone,
lo spasso delle donne
sono gli uomini festaioli.

Rosa, Teresa, Catarinella mia,
una goccia del tuo sangue
salverebbe la vita mia.

Nella mia interpretazione invece mi piace ricordare il concetto espresso nelle seguenti strofe:

Minatevi ssi corpi chianu chianu,
‘ca sugnu distinati a ben muriri,
‘ca sugnu distinati, bella, a ben muriri.

a significare che nella vita bisogna divertirsi e godersela finchè si può, qui si chichiama il concetto di Lorenzo De Medici: “chi vuol essere lieto sia, del doman non v’è certezza”, la tarantella è un mezzo, un ballo, un corteggiamento.

4 Replies to “Tarantella Finale | TaranProject”

  1. Salve.
    Mi dispiace che il gruppo si è sciolto, purtroppo chissà perchè tutte le cose belle durano poco.
    Non sono calabrese, ma sin dalla prima volta che ho ascoltato “tarantella finale” mi è venuto la pelle d’oca!!!
    Per la sonorità, la musica, il portamento del brano veramente bellissimo, complimenti all’autore o agli autori.
    Sono un amante della musica tradizionale e popolare, mi piacerebbe (se possibile) avere lo spartito del brano su citato, oppure a chi posso richiederlo.
    Grazie, buone cose….

    1. Ciao Candeloro, grazie per il tuo commento e per i tuoi feedback, credo tu possa chiederlo direttamente a Mimmo o Cosimo. A presto e buone cose anche a te

  2. ciao, sono l’autore del blog citato.. blog che purtroppo ha cessato l’attività con lo scioglimento del gruppo, oltre un anno fa.
    Mi fa comunque piacere che qualcuno ancora utilizzi quelle pagine! Lo scopo per cui erano nate era appunto quello di dare testimonianza, anche a futura memoria, di uno straordinario fenomeno collettivo, musicale e non solo.
    Per quanto riguarda la tua interpretazione, il paragone è interessante – anche se è definitivamente appurato che dove il testo originale dice “corpi destinati a ben muriri” significa “colpi mortali”, cioè le coltellate che un tempo venivano simulate in alcune figure della tarantella.
    Permettimi però una precisazione: il nome del gruppo era TaranProject, non Taranta Project!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *