Lu Surici | Parafonè | Tarantella Calabrese

Scrivo questo articolo ispirato da una canzone dei Parafonè ascoltata durante lo Zambrone Tamburello Festival dal vivo intitolata lu surici che mi ha evocato la vita in campagna e la convivenza con i topi, soprattutto nelle case di campagna.

E’ capitato anche a noi di dover affrontare il problema dei topi (surici) nella casa di campagna non senza tante difficoltà: trappole, veleni bustine etc… disperazione. Chiedendo consigli ad esperti si scopre che si possono debellare con un po’ di pazienza, capire se hanno fatto il nido o meno, capire se vi è un passaggio con l’esterno. La prima cosa da fare è mettere le trappole, poi assicurarsi che non vi sia alcun passaggio (anche minimo o minuscolo) con l’esterno. Poi mettere tante trappole e veleni e aspettare che la colonia si estingua. La cosa che mi aveva colpito di più è stata la telefonata di una persona esperta che mi ha spiegato che in realtà la convivenza dell’uomo con animali domestici e non è presente da tempo remoto e soprattutto in campagna è una cosa naturale. Infatti bisogna usare piccoli accorgimenti tra cui chiudere sempre la porta di casa, mettere le zanzariere etc.

Incuriosito da questa stupenza tarantella Calabrese contatto il Gruppo dei Parafonè (che tra l’altro sono stati anche a San Cono) e con grande stupore scopro che questa canzone è un brano allusivo e scherzoso sulla sfera sessuale (grazie Angelo Pisani). Continua Angelo: “questa è una canzone che ci ha insegnato un grande suonatore delle nostre zone, Bruno Citino da Novalba di Cardinale, cantata nell’intimità di una compagnia di amici.”

 

LU SURICI

 

Ti lu dissi pi nommu schianti

c’haiu na cosa cu tridici punti

ti la mientu ammienzu all’anchi

fazzu a mammata mu ‘nci lu cunti

ti la mientu ‘ntrallu vacanti 

fazzu a mammata mu ‘nci lu cunti

 

E lu surici ‘ntrallu panaru

chi facia lu cicchì e cicchì

cìchiti cichiti cichiti cichiti

cichiti cichiti cìchiticià

 

‘Nzunni ‘nzunni ‘nzunni

ti lu pue grattari cu l’unghi

s’ieri fimmina di parola

t’accattavi na grattalora

 

e lu surici ‘ntrallu panaru 

chi facia lu cicchì e cìcchi

cichiticichiti e cichiticià

 

sientu adduri de casu

dalla cuomu nu fusu

e lu surici chi facia

lu panaru mu si ‘ndi vacia

e lu surici ‘ntrallu panaru

chi facia lu cìcchi e cìcchi

cichiti cichìti cìchiticià

 

Tiresa Rosa ed Anna

Caterina ed Angilà

Mannaja lu fusu la stuppa

la canocchia e cu la fà

 

Picchissu la chitarra avia su ‘ntinnu

c’avia li cuordi di pili di cunnu

 

e lu surici ‘ntrallu panaru

chi facia lu cicchi cicchi

cichete e cicche e cichiticià

 

Vitti vitti la lumera

Tinni e tinni e pue lu libberai!

TRADUZIONE

Ti ho già detto di non spaventarti/poichè ho una “cosa” con tredici punte (mostro?)/

te la metterò in mezzo alle gambe/e farò in modo che a tua madre dovrai raccontarlo!/

E il topo nel paniere che faceva il cichètecichete cichetecià!!/

Te la puoi sfregare con le unghie/se tu fossi stata una donna di parola/

avresti usato sato una grattuggia/sente odore di formaggio/

e si dimena come un fuso/ e il sorcio che faceva  cichètecichete cichetecià/

e il sorcio che faceva rotolare il paniere/ ed il sorcio che faceva  cichètecichete cichetecià/

Teresa, Rosa e Anna/Caterina e angela/accidenti al fuso e alla canapa/

la conocchia e chi la fà!/per questo motivo la chitarra aveva un suono acuto/

perchè aveva le corde di peli di…/Vidi.. vidi.. vidi.. la lanterna/mi trattenni…mi trattenni.. e poi…lo liberai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *