Barclays vende le attività retail in Italia

Fonte: http://www.economiaweb.it/barclays-in-vendita-retail-italia/

Barclays vende le attività retail in Italia

Il piano prevede il taglio di 19mila posti. L’ad Jenkins: è una coraggiosa semplificazione.

barclaysI primi 14mila vanno via già quest’anno. La metà solo nel Regno Unito. In tutto, entro il 2016 Barclays taglierà 19mila posti di lavoro. E contestualmente rivede la sua presenza retail internazionale, almeno là dove non è ritenuta più ‘core’ (strategica). Cosi’ in Italia vende, o almeno, cerca compratori per le sue attività di retail. Anche su quest’ultimo punto il piano presentato non lascia molto spazio a dubbi e, nero su bianco nel comunicato che illustra queste ultime scelte, si spiega che le operazioni di retail in Spagna, Portogallo, Italia e Francia saranno spostate tra le attività non strategiche del gruppo.
NASCE LA BAD BANK PER 115 MILIARDI DI ASSET A RISCHIO. Vengono trasferite quindi all’interno di una ‘bad bank’, operazione pensata appositamente per un totale di 115 miliardi di sterline di asset a rischio. All’interno della ‘bad bank’ saranno quindi comprese le attività retail in Italia, Francia, Portogallo e Spagna, i cui asset ammontano a 16 miliardi di sterline. La creazione della ‘bad bank’, osserva poi il Financial Times online, evoca simili mosse effettuate da altri istituti nell’ultimo anno, come Royal Bank of Scotland ‘in casa’ e Unicredit. L’amministratore delegato di Barclays, Antony Jenkins, parla di una ”coraggiosa semplificazione” del gruppo.
Semplificazione che colpirà soprattutto il settore della banca d’investimento, con un taglio di 7 mila unità. ”Ci concentreremo su una banca internazionale – ha detto Jenkins – che opera solo nelle aree in cui abbiamo la capacità, vantaggio di scala e competitivo”.
E quindi nelle attività di retail britanniche ma anche nei mercati emergenti, a partire dall’Africa. La ‘natura’ della strategia presentata, il ridimensionamento insomma, era prevista ed attesa, resta tuttavia la novità nelle cifre e nei dettagli che lo rendono maggiore di quanto anticipato: nei mesi scorsi si era parlato di un taglio tra i 10 mila e i 12 mila posti di lavoro, cifre che sono evidentemente lievitate con la conferma ufficiale del piano. Nell’immediato le conseguenze sul titolo quotato a Londra sono state entusiasmanti: ha guadagnato oltre il 7%.

Io ho ricevuto una Raccomandata A/R di recesso unilaterale per la mia Barclaycard, peccato era un bel prodotto gratuito (a saldo) e appoggiato su un c/c qualunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *