TaranProject Stilla Chjara Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea

Ciao volevo condividere con voi questa bellissima canzone di Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea, l’ho sentita per la prima volta l’anno scorso dal vivo a San Marco di Cessaniti (VV) e quest’anno ho dedicato i più bei versi a mia Moglie: l’abbiamo ballata tantissime volte questa estate, è una bellissiama canzone e poesia d’amore.

IMG_7051 RSCN13582014-09-07 21.52.18

Stilla Chjara Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea

Figghjola chi ti meri sa tuvagghja,
vorria mu sacciu di cu siti figghja,
‘ndaviti a caminata di ‘na quagghja,
quandu camini lu me cori s’assuttigghja
quandu camini lu me cori s’assuttigghja.

A menzu u mari c’è ‘na villa nova,
li turchi si la iocanu a primera,
ia dintra ‘ncesti ‘na bella figghjola,
di nomu ca si chiama Stilla Chjara
di nomu ca si chiama Stilla Chjara.
E ‘nta sta notti ‘i luna balla ‘na bella figghiola
e danza cu lu ventu comu l’unda di lu mari
e danza cu lu ventu comu l’unda di lu mari

E porta li capiddi a la spagnola
e si li vota a la palermitana,
lu sai chi ti manca, bella, u si regina
lu stemma d’oru e la sacra curuna
lu stemma d’oru e la sacra curuna

Aquila di Palermu oi chi splenduri
oh bella di li sette cantuneri,
quandu nescisti tu nesciu lu suli
nesciru novi raggi e deci sferi
nesciru novi raggi e deci sferi
E ‘nta sta notti ‘i luna balla ‘na bella figghjola
e danza cu lu ventu comu l’unda di lu mari
e danza cu lu ventu comu l’unda di lu mari

– evviva cu bballa!
– e cu non bballa puru…

Sonau la menza notti e mi ‘ndi vaju
l’occhi li dassu a tia bella ed eu nun viju,
vaju allu lettu e riposu non aju
sperandu mu fa jornu bella mu ti viju
sperandu mu fa jornu bella mu ti viju

Puru la serpi ‘ndavi lu riggettu,
ma lu meu amuri non riggetta mai,
tutta la notti mi levu e m’assettu
e u sonnu all’oocchji mei bella non scindi mai
e u sonnu all’oocchji mei bella non scindi mai
E ‘nta sta notti ‘i luna balla na bella figghjola
e danza cu lu ventu comu l’unda di lu mari
e danza cu lu ventu comu l’unda di lu mari

Stu ‘ranu pari beddhu di luntanu,
ma di vicinu è ‘na colonna d’oru
ma di vicinu è ‘na colonna d’oru

Mammà, si non mi ‘nsuru, eu mi la tagghiu
supra lu focadillu bella mi l’appendu
supra lu focadillu bella mi l’appendu.
E ‘nta sta notti ‘i luna balla ‘na bella figghjiola
e danza cu lu ventu comu l’unda di lu mari
e danza cu lu ventu comu l’unda di lu mari

Traduzione Tarantella Stilla Chjara Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea
Stella Chiara

Ragazza che ti indossi questa bella veste
vorrei sapere di chi sei figlia,
hai la camminata di una quaglia
quando cammini il mio cuore s’assottiglia.

In mezzo al mare c’è una città nuova
i Turchi se la giocano a Primiera,
là dentro c’è una ragazza
che di nome si chiama Stella Chiara
E in questa notte di Luna balla una bella figliola
e danza con il vento come l’onda del mare.

E porta i capelli alla spagnola
e se li gira alla palermitana.
Sai che ti manca, bella, per esser regina?
Lo stemma d’oro e la Sacra Corona.

Aquila di Palermo, oh che splendore,
o bella dei sette Cantoni
quando nascesti tu uscì il Sole
uscirono nove raggi e dieci sfere

– evviva chi balla
– e pure chi non balla!

Suonò la Mezzanotte e me ne vado
gli occhi li lascio a te ed io non vedo
vado a letto e non ho riposo
sperando faccia giorno e io ti veda.

Perfino la serpe trova pace
ma il mio amore non si acquieta mai,
tutta la notte mi alzo e mi siedo
e il sonno sui miei occhi, bella, non scende mai.

Questo grano pare bello da lontano
ma da vicino è una colonna d’oro

Mamme se non mi sposo me lo taglio
e me l’appendo sopra il focolare

E in questa notte di Luna balla una bella figliola
e danza con il vento come l’onda del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *